venerdì 6 agosto 2010

Outcast Racconti: Dopolavoro

Mentre voi tutti soffocate sepolti dall'asfalto del vostro malcontento, noi ce ne stiamo in spiaggia, in montagna e a Colonia. Ma non vi abbandoniamo, perché vi amiamo. Anzi, vi aiomiamo. E vi regaliamo sei minuti abbondanti di Luigi Marrone. E che ci fa, Luigi Marrone, con questi sei minuti abbondanti? Sorpresa.

Soundtraccia by Paolo Giacci (il suo canale YouTube, la sua e-mail)

Modi per ascoltarci:
Outcast su iTunes
Il link diretto all'mp3 di questo episodio

--

Per contattarci:
Scrivi ad Outcast - outcastlive@gmail.com
Il blog di Andrea Babich: The Babich Playground
Il blog di Andrea Maderna: L'Edicola di giopep
Il blog di Davide Giulivi: Linea di fondo
Il blog di Davide Tosini: ToSo on the Net
Il blog di Elena Avesani: Puffetti rosa
Il blog di Fabio Bortolotti: Kenobit
Il blog di Gianluca Loggia: Uno sgarrafiesto con Ualone
Il blog di Lorenzo Antonelli: Bunker
Il blog di Luigi Marrone: E-Self Electronic Self
Il blog di Marco Calcaterra: Ultimo cannoncino
Il blog di Mattia Ravanelli: Zave's


7 commenti:

  1. Mi è piaciuto molto questo ''esperimento''

    Ho solo trovato la citazione di vari titoli e della PS2 non molto appropriata diciamo..avrei preferito una visione del protagonista vaga verso i videogiochi piuttosto che diretta

    Attendo il prossimo Dopolavoro quando e se ci sarà

    ps:Soundtrack da 10 e lode per quanto mi riguarda

    RispondiElimina
  2. I suoni sono molto curati ed immersivi. Come esperienza puramente sonora l'ho trovata dannatamente efficace. Davvero complimenti, sia per le musiche, sia per il montaggio, sia anche per il trattamento della voce.

    Anche il racconto ha una sua caratteristica intrisecamente sonora, si riesce a sentire quella routine metallica iniziale semplicemente dal registro e dalle parole usate.

    Unico appunto che mi sento di fare è che, forse, il momento della dissertazione videoludica è troppo prepotente. Un equilibrio maggiore, una sorta di alternanza, tra il piano della realtà e il piano mentale, che è poi quello riguardante l'esperienza videoludica, avrebbe reso il tutto più dinamico e avrebbe fatto arrivare ancora meglio quei momenti.

    Comunque grazie, molto bello. Non avevo mai ascoltato nessun racconto fatto per essere ascoltato e, devo dire, che è stata una piacevole sorpresa.

    Solid Snake 271

    RispondiElimina
  3. Io mi sento di ringraziare per questo lavoro,sono stati 6 minuti piacevoli in cui ho interagito con le emozioni.
    Spero che il progetto non venga abbandonato,aspetto un prossimo episodio.

    Marcus

    RispondiElimina
  4. bravo Marrone e bravo Giacci

    RispondiElimina
  5. Bellissimo, sei minuti veramente emozionanti, complice anche l'accompagnamento sonoro.

    RispondiElimina
  6. Vi esorto a continuare con la sezione Racconti.Ottima idea e realizzazione.

    RispondiElimina
  7. Sarà che tutte le droghe assunte in adolescenza hanno finito con il ledere le mie capacità critiche e cognitive, ma io adoro quest'uomo. C'è un qualcosa curiosamente profondo, nel suo approccio al videoludo. Sicuramente si avvicina all'amore. Ne voglio ancora e, nel caso non lo conoscesse, gli consiglio vivamente l'ascolto di Emigranti Express: un esperimento radiofonico di quel mostro che è Mario Perrotta (http://www.marioperrotta.com/emigrantiespress/home.htm). Anzi. Lo consiglio a tutti voi. Una delle cose più belle che io abbia mai ascoltato. Nel caso interessasse, ho le puntate in mp3 che potrei caricare da qualche parte. Mi ringrazierete, ve lo giuro.

    RispondiElimina

cookieassistant.com